Blog

1
I bambini in cucina: è ora di imparare divertendosi! Nuovi giochi e nuove linee dedicate ai bambini li avvicinano al mondo della cucina La cucina è tradizionalmente una zona della casa off limits per i giochi dei bambini: la paura di ritrovarsi la cucina invasa dalla farina ha sempre spaventato le mamme... Oggi però l'interesse per i bambinni in cucina è crescente e molti videogames o giochi per smartphone sono dedicati alla cucina: l'ultimo arrivo è My little cook, app dedicata ai bambini (disponibile da oggi anche in versione italiana) che insegna ai più piccoli alcune ricette passo dopo passo.…
1
Lo chef Roberto Abbadati, eclettico interprete della cucina italiana e mondiale, ha provato alcuni dei nostri coltelli e ci racconta in anteprima le impressioni e le sensazioni provate. I coltelli provati dallo chef sono il coltello santoku alveolato, il coltello arrosto e il coltello ostriche della linea Chroma Type 301, dall'esclusivo design Porsche, ed il coltello Yanagi della linea Haiku Kurouchi, coltello dallo speciale acciaio ad alto contenuto di carbonio. Potete trovare le foto dettagliate e tutte le informazioni sui coltelli usati dallo chef sul sito www.officinacoltelli.it         Ed ecco le parole dello chef: «Sono circa un paio…
1
I coltelli Chroma non vanno mai messi in lavastoviglie! Le ragioni:
1
Caratteristiche di una lama damascata o meglio in acciaio damasco. Differenza terminologica sottile ma importante per capire e apprezzare questo tipo di lama diventata molto di moda. Proprio perché molto ricercata, sono stati inventati dei metodi indusriali per ricreare artificialmente il pattern grafico di una lama in damasco e apporlo sulla superficie di una lame normali, al fine di impreziosirle. Costo dell'operazione: inferiore di molto al costo di tutte le lavorazioni necessarie per la produzione di una lama in damasco vero, con risultati anche molto apprezzabili.   L'acciaio dello strato più interno della lama di Haiku Damasco è in acciaio…
1
I coltelli giapponesi distribuiti da Chroma sono resi superiori dai materiali utilizzati: la maggior parte delle lame ha più del 0,6% di carbonio. Il carbonio è un elemento essenziale della durezza dunque dell'affilatura del coltello. Il materiale impiegato per la costruzione della lama è sicuramente una delle basi di ogni buon coltello, ma altrettanto importante è l'angolo di affilatura: tecnicamente il coltello giapponese è quello che raggiunge il massimo di affilatura: è quasi piatto (affilatura a V al posto dell'affilatura europea a U) Ne esistono varie versioni: • gli angoli a V (giapponesi), più difficili da realizzare, unicamente fatti a…
1
Storia cultura della produzione L'eredità delle spade dei samurai I coltelli da cucina giapponesi hanno una storia che può essere ragionevolmente legata alla storia della lavorazione di un oggetto tagliente molto più nobile e prestigioso: la katana, la spada giapponese dei samurai. Più nobile solo formalmente, i primi usati in cucina la seconda in mano a dei guerrieri. Ciò nonostante, la tradizione millenaria della forgiatura dell'acciaio e la maniacale cura per i particolari stratificata in centinaia di anni di produzione delle spade è passata ai coltelli da cucina per opportunità e, come qualcuno direbbe meglio, per fortuna. Più di una…
1
In cucina il coltello è centrale nell’attività di preparazione dei cibi, il suo utilizzo quindi ha notevoli effetti sulla qualità e sulla produttività di una cucina professionale. La sua influenza è anche maggiore se si pensa alla sicurezza, alla salute degli operatori o alla durata degli ingredienti venuti a contatto con le lame dei coltelli utilizzati. Il livello di affilatura La qualità di un coltello si misura tenendo in considerazione diversi aspetti. Il primo e forse il più popolare è il livello di affilatura. Apprezziamo un coltello seusandolo ci dà la sensazione di efficienza nel taglio, cioè ci permette una…
1
Su un sito come questo, che parla di pentole e stoviglie, di coltelli giapponesi, di prodotti di altissima qualità suggeriti in alcuni casi da chef tra i più famosi al mondo, non mi sembra peregrino parlare di gastronomia. Oggi vorrei iniziare a parlare della gastronomia molecolare. Di che si tratta, direte voi? Semplice, si tratta di applicare alle ricette culinarie concetti di fisica e di chimica per far sì che riescano meglio…o semplicemente per confermare o sfatare le credenze e le tradizioni legate a determinate preparazioni culinarie. La fonte principale al quale mi sono ispirato è il libro del chimico-fisico-gastronomo…
Pagina 4 di 4